web analytics

E’ NATA LA CHIESA PROTESTANTE UNITA

FIRENZE – Si è costituito l’ente di culto nazionale “Chiesa Protestante Unita”. La Chiesa Protestante Unita è una denominazione evangelica nata in Italia dalla confluenza di comunità e fedeli provenienti da esperienze di fede diverse nell’ambito del protestantesimo italiano che si sono riuniti per dare vita a una nuova esperienza ecclesiale che intende proporre un modello di Chiesa protestante orizzontale e lontano dalla Chiesa-istituzione in cui si sono rifugiate molte denominazioni “storiche”. Allo stesso tempo è una Chiesa in cui convivono tradizioni e riti diversi (luterano, presbiteriano, metodista, anglicano) che fanno riferimento alla Riforma del XVI secolo e convivono insieme nel concetto di unità nella diversità. Attualmente è presente nel territorio nazionale con comunità e/o gruppi emergenti a Firenze, Terni, Roma e Milano. La comunità fiorentina “Agape”, capofila del movimento nazionale, nasce a Firenze nel 2014 come derivazione della MCC, da cui esce per motivazioni teologiche. La Chiesa ha un quotidiano on line, La pagina cristiana. Il Decano ad interim è il pastore Andrea Panerini mentre il Concistoro nazionale ad interim (organo esecutivo della Chiesa) è completato da Eduardo Zumpano – Vicedecano Vicario Generale (che si è dimesso dopo poche settimane da ogni ruolo nella Chiesa, ndR)  ; Davide Mancini (Tesoriere) e Marta Torcini.
Il primo Sinodo della Chiesa Protestante Unita si terrà a Firenze dal 22 al 25 aprile 2017.

2 pensieri riguardo “E’ NATA LA CHIESA PROTESTANTE UNITA

  • 14 Marzo 2018 in 00:19
    Permalink

    si precisa che il sottoscritto eduardo zumpano non è mai stato eletto o nominato vice decano della CPU, ed dichiara che ha interrotto i rapporti con il pastore Andrea Panerini dal Febbraio dello scorso anno.

    Rispondi
  • 19 Marzo 2018 in 18:49
    Permalink

    Il Dott. Zumpano è stato nominato vicedecano della CPU nel corso dell’assemblea fondativa come si evince dalla sua firma sull’atto costitutivo (che il segretariato del decanato si è reso disponibile a pubblicare) e dopo poco più di un mese si è dimesso da ogni ruolo. Le cose vanno dette in verità e giustizia. (red.)

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *